Vai a…
#noisiamoprontisu Google+#noisiamopronti on YouTube#noisiamopronti on LinkedInRSS Feed

21 maggio 2018

Di microchip, complotti ed altre storie 


Accade in Liguria. La notizia rimbalza sulla stampa nazionale. Un portinaio, sindacalista dell’ospedale Galliera, trova nella propria camicia un microchip: scoppia una protesta, da parte delle rappresentanze sindacali.

Immaginando uno scenario Orwelliano, si urla allo scandalo: quei congegni sarebbero dotati di GPS e servirebbero per spiare i movimenti di medici, infermieri e operatori sanitari vari, eccezion fatta per gli amministrativi: insomma un “Grande Fratello”, che controlla tutti, concedendo minima libertà ai fedelissimi del Partito.

Il titolone è servito, e oltre la stampa il dibattito si sposta sui social, dove trova terreno fertile per sviluppare polemiche di vario tipo e genere.

In realtà quel chip esiste da tempo, non è un sistema GPS, come si sono premurati di far sapere i vertici aziendali. Serve al servizio di lavanderia esterna per poter “ritrovare e monitorare” la biancheria mandata a lavare.

“Ci sono codici a barre e i nomi” obietta qualcuno, non contento della spiegazione: vero, ma la tecnologia si evolve, magari semplificando il lavoro a chi quelle divise le lava, le stira e provvede a “rispedirle al mittente. Qualcun altro sentenzia: “66 milioni di euro spesi per inserirci questi chip; potevano essere assunti per assumere personale”: sì, ma a quel personale qualcuno dovrà fornire le divise e lavargliele: inoltre il nuovo appalto include le spese di gestione di tutta la biancheria ospedaliera di una regione per anni.

Può sembrare una spesa alta? Lecito, ma bisognerebbe analizzare più dettagliatamente i costi che vengono sostenuti e ricordarsi che non sono soldi spesi per installare microspie, ma per garantire un servizio a dipendenti e utenti: a meno che non si voglia chiedere ai dipendenti di provvedere autonomamente alle proprie divise e agli assistiti di portarsi le lenzuola da casa…

Insomma un dibattito esploso sulla base di nulla: su chi ci ha scritto facendone un caso nazionale non esprimo commenti, il giornalismo non è il mio campo, tuttavia noi infermieri, i medici e i professionisti sanitari tutti dovremmo aver appreso dall’università le basi per riconoscere una bufala, a ricorrere a fonti affidabili e, quantomeno, a porci dei dubbi prima di sollevare un polverone per non  finire a “Spacciare deliberate menzogne e credervi con purità di cuore” [G.Orwell, 1984]

Fabio Fedeli

Altre storie daNotizie