Vai a…
#noisiamoprontisu Google+#noisiamopronti on YouTube#noisiamopronti on LinkedInRSS Feed

21 maggio 2018

Perché se il Nursing diventa cultura POP ha già vinto


#noisiamopronti sta dando agli infermieri una cosa che culturalmente non avevano: la mistica della conquista.

Non si tratta solo di una questione culturale, ma anche civica e civile. Quale che sia la prospettiva, le vecchie strutture di pensiero non riescono a coglierla, ma il movimento sta dando una visione epica del Nostro lavorare quotidiano, e questo (per ora) ci basta come paga, ci fortifica, spirito e corpo.

Se essere infermieri è troppo spesso trattato come questione banale, economicista o umile, è forse anche perché manca proprio un’epica; scusate: mancava.

Narrare chi siamo implica fondere logica bellezza e miseria, legare il presente al passato e al futuro, attraverso ciò che chiamiamo e in fin dei conti siamo: storie, le nostre. Questo ci rende veramente umani e “altri da tutti gli altri”, raccontare chi siamo e perché #noisiamopronti è dare senso agli accadimenti esistenziali altrimenti perduti.

Beato quel popolo che ha testimoni di esistenza e assistenza

Ma non basta, la narrazione dell’arte assistenziale è essenziale (vedete? Ritorna la dicotomia) alla comunicazione di ciò che siamo, che facciamo, con leggerezza ma professionalità, in pieghe della vita spiacevoli se non drammatiche per i nostri compagni di viaggio, i Pazienti.

Ovvero: il linguaggio dell’arte assistenziale si illumina e riverbera di letteratura, divenendo racconto. Chi Dove Cosa Quando Perché e Come (io le chiamo 5W+H) Non ci si chieda la dizione, che pur abbiamo e forbita, ma noi lavoriamo di brutto, ci si chieda di essere noi stessi, allora il POP che siamo sarà visibile a tutti. Il grande scrittore non esiste diceva Borges: esistono grandi lettori, che poi sanno emulare, se racconti bene; anche il Male, la sofferenza, e la fatica dell’arte assistenziale.

Allora il POP che siamo sarà visibile a tutti. E se sei Pop, è perché parli solo di ciò di cui si è innamorato. E questo fa innamorare. Il silenzio sia preferibile a tutto ciò che non è detto per amore. Ma se parli e scrivi per condividere un amore, allora hai già vinto. #noisiamopronti Ve lo stiamo raccontando…

Claudio Torbinio

Altre storie da#noisiamopronti