Vai a…
#noisiamoprontisu Google+#noisiamopronti on YouTube#noisiamopronti on LinkedInRSS Feed

21 maggio 2018

Un giorno un motociclista mi ha cercato, è convinto che io gli abbia salvato la vita


Sono sempre stata convinta che tutti noi abbiamo un destino. Sono fatalista e mi piace pensare che la vita di coloro per cui ho fatto anche solo una volta la differenza, abbia nascosto qualcosa di speciale.

Arrivo, tratto, stabilizzo, su e giù dalla strada, dalle case al pronto soccorso, uno dietro l’altro; io come tanti miei colleghi in tutta Italia e in tutto il mondo.

Cosa ho di speciale? assolutamente nulla. Cerco di essere una professionista: studio, mi formo al massimo delle mie possibilità come d’altronde tanti miei colleghi. Di solito non mi informo di come evolvono le situazioni di salute dei miei pazienti, non lo faccio per disinteresse ma per me, è la mia forma di autoprotezione verso ciò che accade a queste persone, diversamente correrei il rischio di farmi coinvolgere troppo.

Un giorno un motociclista mi ha cercato, si sente un miracolato, un volo di decine di metri, cinquanta fratture tanto sangue perso, situazione incompatibile con la vita. Lui è convinto che io gli abbia salvato la vita; io che sono il primo anello di quelle persone che insieme hanno lavorato su di lui quella notte.

Parole come Golden minute, Golden hour mi risuonano nella mente e mentre mi parla assumono un altro significato. Da quell’episodio è passato qualche anno lui, il mio paziente preferito, nel frattempo ha avuto due bambini: penso sempre che quei bimbi siano speciali, che faranno qualcosa di speciale; il loro papà, che non li aveva neanche nei pensieri, è sopravvissuto per farli nascere.

Non so se questo miracolo è accaduto altre volte, ma a me questo episodio basta: basta per tutta la mia vita professionale, basta per farmi andare avanti ogni giorno in questo duro lavoro, mi basta per continuare a studiare.

Mi basta per essere una professionista sanitaria con competenze avanzate perché non sono solo parole, perché fanno la differenza, perché sono vita.

…..Basta una volta…..

Maria Luisa Ciurlia, Ambasciatrice del Movimento.

Altre storie daApprofondimenti