Vai a…
#noisiamoprontisu Google+#noisiamopronti on YouTube#noisiamopronti on LinkedInRSS Feed

25 maggio 2018

Riposa in pace caro Biagio, studente infermiere


Si dice che col passare del tempo tutte le ferite guariscono, ma dalla più grande delle perdite, dalla ferita più profonda, il processo di guarigione è più lento e difficile. Il dolore svanisce ma le cicatrici rimangono a memoria della nostra sofferenza e rendono forte chi le porta affinché non possa essere più ferito. Sabato prossimo avresti dovuto sostenere un esame con me. Non ci sarai e non ci sarai per nessun altro esame.

Di te mi resterà il ricordo di quando chiesi in aula ma ci sono siciliani? E tu ti alzasti sorridendo dicendo: io sono siciliano. Lo dicesti con tanto orgoglio guardandoti intorno cercando lo sguardo di tutti i tuoi colleghi.

Di te mi resterà questa immagine, mi resterà, come resterà nella memoria di tutti i tuoi amici, anche una profonda cicatrice che ci aiuterà a ricordarti sempre.

Riposa in pace caro Biagio, che la terra, la tua terra di cui eri tanto fiero, ti sia lieve.

 

Altre storie daDal territorio