Breaking News

Alle mamme coraggiose del Monaldi: Noi Siamo con Voi!

Un pomeriggio agitato, domani il grande giorno, #noisiamoprontiday4.

In trepidazione, un occhio al meteo, uno alla chat nazionale uno a quella regionale, telefonate a tutti: ci siamo!

E poi sul nostro gruppo Facebook ci scrive Antonio Eliseo e si fa portavoce delle mamme coraggiose dei piccoli pazienti del centro trapianti pediatrico del Monaldi “Pietro le mamme del centro trapiantologico del Monaldi di Napoli hanno occupato il tetto del Presidio ed iniziato da venerdì lo sciopero della fame affinché si riaprisse un punto di riferimento per questi bambini.

Chiedono al Movimento #noisiamopronti di dare voce a queste madri nell’occasione della giornata di domani” Si gela il sangue…noi stiamo organizzando una festa e le mamme sono lì sul tetto del Monaldi, a digiuno da venerdì per protestare perché la terapia intensiva pediatrica del centro Trapiantologico del Monaldi è chiusa le attività sono sospese e un bambino di 12 anni e in terapia intensiva per Adulti in procedura ECMO.

Dafne Palmieri, presidente del Comitato Genitori bimbi trapiantati del Monaldi di Napoli, ci fa sapere che porteranno avanti lo sciopero della fame fino a quando “non avremo risposte”, insieme ad altri genitori, lì sul tetto dell’ospedale.

Stanno calpestando il tetto del reparto di Cardiologia e di Terapia intensiva pediatrica, un reparto la cui attività è sospesa, ci dice che “da mesi e ai nostri figli non è garantita nemmeno l’adeguata assistenza pediatrica post intervento che deve essere fornita seguendo precisi protocolli di cura di cui non si ha alcuna notizia”.

Ci chiedono aiuto le mamme, chiedono aiuto a noi Infermieri del movimento #noisiamopronti, nella rete del gruppo facebook. Ed è un tam tam, la notizia corre veloce dalle pagine dei profili degli Ambasciatori e raggiunge tutta l’Italia.

Da Scicli a Bolzano tutti gli Infermieri del movimento esprimono solidarietà alle mamme, #noisiamoconlemammecoraggio un nuovo hashtag percorre i gruppi e le chat. Siamo Infermieri, siamo professionisti sanitari, siamo donne e uomini impegnati in prima linea siamo mamme padri e figli …siamo noi, quelli di #noisiamopronti!

Cosa possiamo fare ci chiediamo? Cosa possiamo fare?

Quello che facciamo ogni giorno, quello che nei libri che parlano difficile si chiama advocacy, si chiama counseling, si chiama relazione di aiuto…ma che noi chiamiamo ascolto, vicinanza solidarietà e comprensione! Perché gli Infermieri ogni giorno ascoltano, condividono soffrono e gioiscono per e con i cittadini senza tanti ma e perché…. è una componente fondamentale del nostro lavoro ascoltare e condividere!

Ma le mamme sono ancora lassù, ci pare di vederle e di sentirle, ed intanto sulla rete si moltiplicano i messaggi di vicinanza e solidarietà a queste meravigliose mamme! Poi Antonio Eliseo mi chiama, e dal telefono mi arriva una valanga di emozioni: le mamme del Monaldi, attraverso la loro portavoce Dafne Palmieri, presidente del Comitato Genitori bimbi trapiantati del Monaldi di Napoli, ci ringraziano….ringraziano noi che non abbiamo fatto nulla?

Si, ringraziano noi perché abbiamo dato loro ascolto e solidarietà, perché abbiamo fatto sentire a tutta Italia il loro dolore, perché abbiamo condiviso il loro disagio.

Domani mattina queste mamme coraggiose, nel loro dolore, stanche e indebolite dal digiuno saranno al #noisiamoprontiday4 a Napoli per parlare a tutti gli Infermieri di Italia. Allora ho capito che cosa posso fare: farò l’Infermiera , semplicemente, darò ascolto, comprensione e aiuto, ed attraverso la diretta streaming farò in modo che tutti possano ascoltare la voce di queste mamme, e farò in modo che queste mamme sentano il calore di tutti gli infermieri d’Italia. #noisiamoconlemammecoraggio anche e soprattutto per questo #noisiamopronti!

Michelina Baldi, Ambasciatrice del Movimento.

Ecco il video della protesta delle mamme. Triste quel Paese che non comprende le ragioni di una madre. A loro il nostro pieno, convinto sostegno. Pietro Giurdanella, fondatore del Movimento #Noisiamopronti

Lascia un commento

Shares