Vai a…
#noisiamoprontisu Google+#noisiamopronti on YouTube#noisiamopronti on LinkedInRSS Feed

23 aprile 2018

#NSPDay4, perché già sento la nostalgia se è passata appena una settimana?


Una sola domanda mi pongo, perché già sento la nostalgia se è passata appena una settimana?

Sono quasi le nove e sto per fermare la macchina in piazza Matteotti. Antonio mi chiama e chiede dove può trovare qualcuno per dargli una mano e scaricare il gazebo. Mi accorgo che sta solo a qualche metro da me. Ci salutiamo con affettuosità e andiamo a recuperare qualche volontario disponibile a dare una mano.
Napoli mi regala una bella giornata, una di quelle giornate in cui senti l’odore della primavera che sta per arrivare. Lo senti proprio, è strano, è indescrivibile ma è così.
Arrivo in largo Enrico Berlinguer e già ci sono tanti colleghi e amici che conosco da tempo. Hanno tutti la stessa preoccupazione, si legge in faccia: “Riuscirà la festa che abbiamo pensato e organizzato?”
Arrivano alla spicciolata tante persone che conosco e altre mai incontrate in vita mia, poi ci sono gli studenti che mostrano una certa timidezza o diffidenza per quello che dovrà accadere.
Più avanti c’è la banda musicale che suona ad alto volume i brani della tradizione religiosa e il corteo che segue l’effige della Madonna dell’Arco, un cult della tradizione napoletana, quello è il mio quartiere e da sempre sono stato spettatore di queste manifestazioni di culto “coreografico”.
Sembra che non manchi nulla.
Roberta, instancabile si muove tra la gente per riprendere i loro volti e testimoniare l’operosità dei componenti l’organizzazione.
I ragazzi presenti iniziano a fare domande al nostro stand, vogliono compilare e distribuire il questionario preparato per l’occasione, Imma, Matteo, Michelina, Antonio, distribuiscono i collarini con la locandina del#noisiamopronti Campania. Sento che in tanti lo chiedono, vogliono sentirsi dentro al movimento, una sorta di identificazione e appartenenza che mi rimanda con il pensiero alle mie prime partecipazioni ad eventi professionali di troppi anni fa.
Ecco che inizia, Giustino avvia la lettura della “Carta dei valori” sottoscritta solo il 3 Febbraio e già diventata la “guida” per il movimento intero.
Tutto procede per il meglio, qualche piccola defaillance è concessa, il nostro impegno e le nostre capacità sono dedicate interamente a questa giornata ma il nostro lavoro è un altro.
Si avvicinano molti cittadini, chiedono informazioni e soprattutto chiedono come e perché questi infermieri stiano lì, cos’hanno da festeggiare, quale partito ci stia dietro, insomma, chiedono di sapere le motivazioni che muovono tante persone a fare quelle cose.
E così assistono e partecipano alle manovre di rianimazione, di disostruzione delle vie aeree, ballano con i ragazzi e mimano i cinque movimenti per una igiene sicura delle mani.
È un trionfo di sorrisi e serenità, tutti si sentono attori e protagonisti di quei momenti.
La manifestazione ha il carattere della gioia e della leggerezza, in piena sintonia con quello che accade intorno: una festa nella festa. Arriva poi il momento della riflessione seria e a tratti amara: la testimonianza di una rappresentante delle mamme dei bambini trapiantati getta un momento di commozione e di vicinanza con questi genitori disperati che, nonostante il completo abbandono in cui versano, riconoscono il valore degli operatori sanitari che da anni assistono i loro figli.
Si riprende secondo programma e dopo l’esibizione di giovani infermieri nonchè attori in erba, protagonisti assoluti diventano loro: i bambini. Numerosi e presenti all’appuntamento, provocano grande emozione nel vederli attenti esecutori delle indicazioni impartite da Antonio, rigorosi e disciplinati attendere il loro turno per eseguire le manovre sul manichino. I bambini, scevri da ogni secondo fine, hanno sempre qualcosa da insegnare a noi adulti, mostrando ciò che è realmente importante: adoperarsi per l’altro.
La giornata volge al termine, tutti siamo contenti e la fatica non supera la gioia per la buona riuscita dell’evento.
Una sola domanda mi pongo, perché già sento la nostalgia se è passata appena una settimana?

Gaetano Liotta, Ambasciatore del Movimento #Campania
https://www.facebook.com/groups/1520293554940691/

Lascia un commento

Altre storie daNotizie