Vai a…
#noisiamoprontisu Google+#noisiamopronti on YouTube#noisiamopronti on LinkedInRSS Feed

26 maggio 2018

Giornata dell’Infermiere EMIGRATO


Si è appena conclusa la recente giornata INTERNAZIONALE dell’Infermiere. Gaudio e festeggiamenti in tutto il mondo, riconoscimenti da parte di tutte le categorie; quasi sempre azioni fatte all’estero.

In italia l’Infermiere, figura sempre più inutile che svolge anche mansioni alberghiere, quando non sostituita da personale ben meno preparato : OSS, OTA, OSA e chi più ne ha, più ne metta… è sempre più bistrattato, se non maltrattato: contratti capestro, affidamento della sanità sempre più a enti che mirano “al risparmio”, contratti che prevedono uno stipendio non degno di figure con tre anni di dottorato universitario alle spalle, per non parlare poi dei continui sfottò e prese in giro su social e media; figure sanitarie che sfottono ma che se ne guardano bene dal fare altrettanto quando essi stessi  a lavorare all’estero, pena il licenziamento o la segnalazione al rispettivo ordine!

Dunque, in italia queste figure, preparatissime non hanno sbocchi, se li hanno si trasformano in un attimo da Dottori in Infermieristica a ausiliari, rifacimento letti, e poco altro…chiaro che non è dappertutto così, ma ad esempio le recenti uscite in friuli venezia gliulia e in emilia da parte di certi ordini professionali, che smentiscono quanto acclarato dalle società scientifiche in tutto il resto del mondo, sono abbastanza indicative di quanto succede…

Il nostro Infermiere laureato  si trova quindi ad un bivio: il concorso (nessuno ha nominato la parola “capestro”) e la speranza di fare ciò che non dobbiamo fare o la coraggiosa fuga all’estero, e tanti saluti all’investimento fatto dalla società italiana per preparare tali professionisti.

Un plauso a questi coraggiosi, preparati, incredibili colleghi. Avete tutta la mia ammirazione, ed anche la mia invidia, se volete.

Perché allora non ricordarli? Perché non ricordare chi sono, perché han fatto questa difficile scelta, perché non ricordare quanto all’estero questi colleghi sono apprezzati?

Dunque oggi, il sottoscritto lancia la campagna per determinare oggi 13 Maggio, la GIORNATA DELL’INFERMIERE EMIGRATO, a memento della fatica, dell’abilità, del coraggio e dell’incapacità del paese natio.

P.F.

Lascia un commento

Altre storie daApprofondimenti