Dal territorio

Fare o non fare, non esiste provare (Oz/Yoda)

FARE O NON FARE, NON ESISTE PROVARE (Oz/Yoda)

Penso che sia un’analogia molto accurata, essere donne e uomini del fare, non del provare. Tantomeno del non fare.

E non possiamo lasciare che la paura del fallimento o la paura del confronto o la paura del giudizio ci impedisca di fare le cose che ci faranno grandi, per le quali un giorno verremo forse ammirati, o forse maledetti, ma pur sempre ricordati.

Non è possibile riuscire senza il rischio di fallimento, E SENZA RISCHIARE DI RIMANERE CON UN PUGNO CHIUSO DI MOSCHE.

Non possiamo avere una voce senza il rischio di critiche, NON POSSIAMO LAVORARE ED ADOPERARCI, RESTANDO conniventi all’ombra di istituzioni che ci sono state derubate. Istituzioni che sentiamo, nell’intimo, NON CI RAPPRESENTANO.

Ma le istituzioni siamo noi, e ce le dobbiamo riprendere, abbiamo un dovere morale di fronte alle giovani ed ai giovani colleghi. Penso che permettere a qualcuno, anche una sola persona, di farci credere che sia l’essenza e la fonte di tutta la professione sia pornografico e irresponsabile.

È come credere che abbia ingoiato il sole.

Non lo dobbiamo più permettere. Penso che i nostri giovani possano, debbano e vogliano dirigere l’agenda del cambiamento dei prossimi anni. E POI PASSARE LA MANO.

Thomas Edison ha condotto 1000 esperimenti falliti. Lo sapete, al 1.001° si è accesa la lampadina. Ogni esperimento fallito è un passo più vicino al successo.

Quindi: non lasciate mai che qualcuno vi dica. “non puoi farlo, non sei pronto.”

Abbiamo un sogno, proteggetelo, amatelo, aiutatevi, aiutateci! Le persone non possono fare nulla da sole. E non si può amare senza il rischio di perdere. Devi assumere questi rischi. Quindi: o guardiamo la nostra professione andare a rotoli, giorno per giorno: fra un compromesso al ribasso e una concessione alle lobby, finché non siamo finiti, o possiamo combattere, democraticamente ma fermamente.

Tertium non datur! Adesso siamo in inferno, colleghi, amici. Sta a noi risalire, rinnovare proporre pretendere, e riportare la nostra professione ai livelli europei che le competono. Non vi parlo di retorica, ma di sana follia, fame, disciplina e voglia. Tanta voglia e passione per il cambiamento.

Io ci sono, sono pronto, sono lucido, sono un Infermiere. E voi siete bellissimi!

Claudio Torbinio

Creative Commons License
Fare o non fare, non esiste provare (Oz/Yoda) by Redazione #noisiamopronti is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivs 4.0 International
Redazione #noisiamopronti
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: